Il Messaggero

  • Il Messaggero

    Formia, 21 marzo 2018

    Formia: ministero della Salute condannato a risarcire un paziente per trasfusioni infette.

    Un cittadino 60enne di Gaeta si è visto riconoscere dalla Corte di Appello un risarcimento di 230mila euro dal ministero della Salute, superiore a quello inizialmente attribuitogli di 140mila euro, per i danni subìti quando nel 1975 gli vennero trasfuse diverse sacche di sangue infette dal virus dell’epatite C all’ospedale Dono Svizzero di Formia. In primo grado la causa, iniziata nel 2008, terminò nel 2013 presso il Tribunale di Roma che condannò il ministero della Salute ad un risarcimento di 140mila euro «per la negligenza nella raccolta e nella somministrazione di sangue» da parte dei medici dell’ospedale formiano.

    Il Ministero appellò la sentenza affermando che il diritto al risarcimento si era prescritto e che al tempo non esistevano i test per rilevare nei donatori il virus dell’epatite C. Il cittadino gaetano, assistito dall’avvocato Renato Mattarelli, ha però evidenziato, nel giudizio di appello,«la responsabilità del ministero già a metà degli anni ’60, quando era possibile escludere il contagio attraverso test obbligatori nel 1966 che, seppur indirettamente, avrebbero evitato il contagio se eseguiti».

    Va ricordato che l’Istituto superiore di sanità e il Centro nazionale sangue sottolineano come ormai da oltre un decennio non si registrano infezioni post trasfusionali in Italia.

    Comments are closed.