Il Giornale Nuovo, 30 maggio 2018

  • Il Giornale Nuovo, 30 maggio 2018

    LATINA – Morì dopo una serie di trasfusioni di sangue infetto, 33 anni dopo la famiglia di un giovane ottiene il risarcimento

    Maxi-risarcimento da 1 milione e 800mila euro corrisposto ad una famiglia, residente in un centreo dei Monti Lepini che, a causa di una serie di trasfusioni di sangue infetto, nel 1985 perse un proprio giovane congiunto, all’epoca appena trentenne. A corrispondere il denaro il Ministero della Salute, contro il quale lo studio legale ha intentato causa dopo la morte dell’uomo, deceduto per cirrosi epatica causata da una epatite C, per la cura della quale il paziente si era sottoposto per sei anni, dal 1979 al 1985, a trasfusioni di sangue presso il Santa Maria Goretti di Latina e alcuni nosocomi di Roma.

    Comments are closed.